Crisi d’azienda e fallimenti, i nuovi strumenti per evitarli

Crisi d’azienda e fallimenti, i nuovi strumenti per evitarli
“Convegno di Confindustria con alcuni relatori del decreto che cambierà il modo di combattere le crisi di insolvenza grazie a un’allerta preventiva che tuteli il creditore e la stessa impresa. I fallimenti provocano crediti per 161 miliardi, ma lo Stato recupera solo l’1,5%”

Un sistema di allerta preventivo che sia in grado di cogliere i segnali di una crisi aziendale in tempo. Un’allerta che potrebbe evitare la successiva crisi di insolvenza e, quindi, indirizzare l’impresa verso la strada del concordato o del fallimento. E’ il cuore del convegno che si è svolto il 10 marzo, al Collegio Alberoni, organizzato da Confindustria Piacenza che ha presentato – per la prima volta in Italia – la bozza di decreto attuativo che renderà operativa la legge delega sui fallimenti del 30 ottobre 2017 numero 155. Una novità che potrà evitare a tante aziende di morire e allo Stato di recuperare un po’ di soldi. Basti pensare che, in Italia, il credito dei fallimenti ammonta a 161 miliardi e, secondo i dati dell’Agenzia Entrate, lo Stato recupera solo l’1,5%.

Leggi l’articolo completo a questo link

Se volete saperne di più sul nostro software di monitoraggio della crisi d’azienda come previsto dalla legge 155/2017 – Riforma Fallimentare potete compilare il form sotto riportato.


Lascia un commento